Flat tax 2020 Partita Iva regime fiscale 2020

Sono state decise nuove norme fiscali per il 2020 che potrebbero creare qualche problema alle Partite Iva, che sono escluse dal perimetro fiscale agevolato. Con le nuove norme inserite nella Manovra 2020, ci saranno importanti novità. Riceviamo e pubblichiamo dal team di Giovanni De Pierro Roma l’approfondimento di seguito riportato (vedi: 

La nuova Manovra approvata dal governo infatti ha mantenuto in vigore la famosa flat tax al 15% per le partite Iva che non superano 65 mila euro annui di fatturato. Non ci sarà nessun regime forfettario per chi ha guadagnato più di 30 mila euro come lavoratore pensionato o dipendente. Nel 2020 infatti – ricorda Giovanni De Pierro – sono stati inseriti diversi vincoli: in primis per avere la fiscalità agevolata non si devono superare i 20 mila euro lordi annui, che possono essere ricevuti sia da lavoro accessorio, subordinato, o collaborazioni, anche a progetto. L’altra novità riguarda i contribuenti esclusi, ovvero chi nell’anno precedente ha ricevuto più di 30 mila euro tramite lavoro dipendente o assimilati. Sono state sollevate più polemiche, in particolare dai commercialisti, che hanno chiesto delle tempistiche più lunghe per potersi adeguare alle varie novità. Tenendo presente la relazione tecnica della legge di Bilancio, che ha utilizzato come riferimenti i redditi del 2018, le nuove norme che riguardano il regime forfettario per le Partite Iva nel 2020 escluderanno quasi 1 contribuente su 4: più di 300 mila lavoratori su 1.4 milioni di persone. Negli ultimi anni però si è parlato di un grande boom di iscrizioni per quanto riguarda il regime forfettario, per questo si teme che il numero degli esclusi possa crescere esponenzialmente, arrivando a quasi mezzo milione di persone escluse. 

Con la Legge di Bilancio 2020 però i forfettari sono stati inclusi per varie agevolazioni fiscali: tutti i titolari di partita Iva a regime forfettario infatti potranno utilizzare il bonus del 2020. È un traguardo per chi riesce ad utilizzare la flat tax grazie al regime forfettario, infatti su determinate tipologie di acquisti il risparmio è assicurato, dove il costo del bene può diminuire dal 5 al 15%. Naturalmente il bonus è utilizzabile solo da chi acquista beni strumentali professionali, come hardware o arredi per adeguare la propria attività a diversi standard. Con il bonus per Partite Iva e forfettari, si potranno acquistare più facilmente computer, stampanti e arredi per il proprio studio ma non si potranno acquistare beni immateriali, come i software. La situazione però potrebbe essere soggetta a diversi cambiamenti per via della pandemia da Covid-19 anche in base alle ultime riforme di legge applicate.